informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Fare una mappa concettuale: tutti i passaggi da seguire

Commenti disabilitati su Fare una mappa concettuale: tutti i passaggi da seguire Studiare a Salerno

Stai cercando di capire come fare una mappa concettuale per organizzare meglio il tuo apprendimento, ma non sai come fare?

Non preoccuparti: in questo articolo ti guideremo noi a capire come realizzarne una.

La tua è una bella intuizione, un’ottima idea, perché quello delle mappe mentali o concettuali è un sistema essenziale e soprattutto efficace, sia nello studio che nel lavoro.

In questa guida andremo a capire perché, ma anche come farle in modo pratico e come utilizzarle al meglio. Perché quello che forse non sai è che si possono realizzare anche mappe concettuali online, oppure utilizzando degli appositi programmi direttamente sul tuo smartphone, dispositivo mobile o desktop computer.

Al giorno d’oggi, infatti, esistono diversi software molto funzionali e semplici da utilizzare, non solo app per migliorare le foto o svolgere compiti di matematica gratis.

Vuoi saperne di più? Allora non perderti i prossimi paragrafi.

A cosa servono le mappe concettuali e come realizzarle

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a scoprire perché fare una mappa concettuale e come. Nella forma e nella sostanza, ma anche attraverso quali strumenti utilizzare.

Cosa sono le mappe mentali e concettuali

Secondo la popolare enciclopedia online collaborativa Wikipedia:

«La mappa concettuale è la rappresentazione grafica della rete di relazioni tra più concetti, a partire da quello di partenza.

Le mappe servono per rappresentare in un grafico le proprie conoscenze intorno ad un argomento specifico secondo un principio cognitivo di tipo costruttivista, per cui ciascuno è autore del proprio percorso conoscitivo all’interno di un contesto. Le mappe concettuali mirano a contribuire alla realizzazione di apprendimento significativo, in grado di modificare le strutture cognitive del soggetto e contrapposto all’apprendimento meccanico, fondato sull’acquisizione mnemonica».

Altro discorso è quello che riguarda le cosiddette mappe mentali, più orientate all’ambito creativo. La stessa fonte, infatti, ne da la seguente definizione:

«Una mappa mentale è una forma di rappresentazione grafica del pensiero teorizzata dal cognitivista inglese Tony Buzan, a partire da alcune riflessioni sulle tecniche per prendere appunti. Il fine consiste nell’implementare la memoria visiva e quindi la memorizzazione di concetti e informazioni in sede di richiamo.

Le mappe mentali (mind maps) non vanno confuse con altri tipi di mappe come le mappe concettuali dalle quali si differenziano sia per la strutturazione, sia per il modello realizzativo, sia per gli ambiti di utilizzo».

Fatte queste doverose premesse, andiamo a vedere nel concreto come fare una mappa concettuale.

Creare mappe concettuali efficaci: ecco come

Non puoi fare una mappa concettuale se non sai che si tratta di un risultato degli studi e delle teorie dell’apprendimento significativo sviluppate da David Ausubel e Joseph Novak. Quest’ultimo è riconosciuto proprio come il padre dell’impostazione ideale di tali rappresentazioni grafiche.

La struttura originaria di Novak è distinguibile da alcune caratteristiche fondamentali:

  • Essere basata su una composizione reticolare, derivante dai diversi nodi concettuali che la compongono, rappresentanti a loro volta di un concetto racchiuso all’interno di una figura geometrica;
  • I nodi concettuali che la compongono sono collegati fra loro attraverso relazioni di tipo connessionista, raffigurate da frecce orientate e generalmente etichettate con un predicato descrittivo.

Insieme a questi punti di base indicati da Novak, per fare una mappa concettuale perfetta, ricorda di indicare in maniera chiara il tema principale e l’ambito di analisi di riferimento, orienta lo sviluppo della mappa partendo dall’alto verso il basso, inizia dai vari argomenti per poi definire le varie interconnessioni in maniera chiara e corretta. Sono accettabili delle connessioni trasversali, ma in via eccezionale.

Realizzare una mappa al PC

mappe mentaliCome fare una mappa concettuale da computer? Prima di suggerirti i migliori programmi pc utili a tal fine, devi sapere le nuove tecnologie e il conseguente utilizzo del digitale, hanno offerto la possibilità di fare un salto in avanti non certo indifferente nella realizzazione di tali rappresentazioni grafiche, arricchendole dal punto di vista dell’espressività, del bagaglio evocativo e strutturale e introducendo strumenti informatici in grado di modernizzare e automatizzare le strutture.

Un conto è come fare una mappa concettuale su Power Point, un altro era farlo utilizzando carta e penna o inchiostro. O, se preferisci, come fare una mappa concettuale su Word a differenza che con la macchina da scrivere.

Proprio i classici formati doc e pptx rappresentano ottime soluzioni per la realizzazione di una rappresentazione grafiche del genere. Altre soluzioni più specifiche possono essere: Xmind, cMap, Mind Maple, Blumind, Mind Node oppure, se preferisci utilizzare programmi esclusivamente online, Mind Meister.

Mappe concettuali: software per dispositivi Mobile

Se invece vuoi fare una mappa concettuale o mentale attraverso un dispositivo mobile, dal tablet allo smartphone o magari lo stesso pc portatile, devi assolutamente provare le app che seguono, alcune delle quali disponibili anche in versione desktop.

  • MiMind. Potente strumento per organizzare i tuoi pensieri e condividerli con i tuoi amici e colleghi di lavoro. Ti aiuta a sviluppare qualsiasi cosa: da semplici liste a concetti professionali di ingegneria. MiMind include decine di layout, combinazioni di colori, forme, modelli, e molto altro ancora. Una volta che la mappa è completa si può anche esportarla come immagine PDF, file di testo o XML;
  • SimpleMind. Ottima per ordinare concetti, ricordare cose e generare nuove idee. Così che possiate fare mappe mentali dove e quando vogliate. App moderna e intuitiva, SimpleMind è ottimizzata sia per telefoni che per tablet, anche se alcune caratteristiche sono disponibili solo nelle versioni Android più recenti;
  • Mindly. Da provare, specialmente per strutturare concetti, catturare idee, fare brainstorming, pianificare un progetto, preparare un discorso in maniera schematica, fare un riassunto. Tra le altre cose, consente di aggiungi note, immagini o icone agli elementi e schemi di colori;
  • Flowdia Diagrams. Si tratta principalmente di uno strumento di diagramma di flusso facile da utilizzare, ma che può essere sfruttato anche per creare rapidamente diagrammi di flusso di qualità professionale, mappe mentali, BPMN, di rete e layout del server, di rete Cisco, diagrammi Rack, attività UML, processi di business e schemi di processo;
  • Halna Mind. Consente di inserire le proprie idee e visualizzarle come argomenti sullo schermo come una mappa;
  • Mindomo. Presentazioni interattive, layout multipli, mappe personalizzate con l’aggiunta di icone, colori, stili e temi, embedding d’immagine, visualizzazione di note, link o compiti sugli argomenti. Mica male;
  • Co.Map. Molto semplice ed elementare, anche graficamente. Ricorda le mappe concettuali scuola primaria.

Mappe concettuali pronte: quale preferisci?

Siamo giunti alla conclusione della nostra guida su come fare una mappa concettuale e perché utilizzarla. Tra le altre cose, ti abbiamo anche suggerito programmi desktop e app mobile da poter utilizzare per realizzare questo tipo di rappresentazioni grafiche. Non rimane che provare i vari software che ti abbiamo presentato e recensito e, una volta pronta la mappa, individuare quale rispecchia meglio le tue esigenze.

Non ci rimane che augurarti buono studio e buon lavoro, sperando che i nostri consigli ti saranno utili.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.