informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le credenze: cosa sono e come ci limitano

Commenti disabilitati su Le credenze: cosa sono e come ci limitano Studiare a Salerno

Ogni nostra azione e decisione è sempre sottoposta a un sistema di filtraggio, i cui risultati hanno effetti diretti sui nostri comportamenti e stati d’animo.

I filtri ci aiutano a dare un significato agli eventi, classificarli nella memoria e trarne insegnamenti.

Il primo filtro utilizzato è quello delle credenze, ossia l’insieme di tutto ciò che riteniamo vero e falso.

La nostra mente, in stato cosciente, ha capacità ridotte. Siamo in grado di processare, contemporaneamente, da 2 a 7 pezzi di informazioni. Per tale ragione è necessario sintetizzare la realtà, illimitata, di cui facciamo esperienza, in maniera semplice.

Siamo, quindi, portati a trarre delle verità assolute a partire dalle esperienze che abbiamo vissuto e dal modo in cui le abbiamo interpretate.

Generalizzare ci semplifica la vita. Ci permette di dare per scontato delle verità e di non mettere tutto in discussione. Questo è vero solo se le credenze ci permettono di raggiungere gli obiettivi che quotidianamente ci poniamo, se ci permettono di vivere bene.

Le credenze perdono di efficacia se sono di tipo negativo. Queste, legate a eventi, azioni, ai loro risultati e alle influenze ambientali, possono essere quindi di natura limitante.

È possibile distinguere:

  • credenze potenzianti: che permettono di raggiungere tutti gli obiettivi prefissati;
  • credenze limitanti: che impediscono il raggiungimento di obiettivi.

Ecco alcuni esempi di credenze limitanti con cui generalmente ci confrontiamo: “sono troppo vecchio”, “non capisco nulla”, “non merito la felicità”, “non sono bravo con la tecnologia”, “sono fatto così”.

A queste se ne aggiungono altre, prodotte da ciascuno di noi.

Le credenze o convinzioni sono oggetto di studio della PNL.

Cosa significa PNL?

PNL è l’acronimo di Programmazione neuro linguistica. Questa è definita dall’Oxford English Dictonary come “un modello di comunicazione interpersonale che si occupa principalmente della relazione fra gli schemi di comportamento di successo e le esperienze soggettive che ne sono alla base” e ancora “un sistema di terapia alternativo, basato su questo, che cerca di istruire le persone all’autocosapevolezza e alla comunicazione efficace, e a cambiare i propri schemi di comportamento mentale e emozionale”.

L’acronimo riassume le componenti di questa disciplina:

  • programmazione: la possibilità di influenzare le modalità comportamentali autonome;
  • neurologica: come il sistema nervoso riceve gli stimoli e li rielabora in percezioni;
  • linguistica: come il linguaggio codifica, organizza e trasforma i sistemi mentali.

Sono Richard Bandler e John Grinder, rispettivamente professore dell’Università della California e suo alunno, a parlare di pnl tra gli anni ‘60 e ‘70. Anni della proliferazione, proprio nella terra del sole, di teorie scientifiche, pseudoscientifiche e New Age.

La pnl insegna la differenza tra i fatti e i giudizi o gli atteggiamenti relativi ai fatti.

Il concetto fondamentale di questa disciplina è la possibilità di modificare la percezione del mondo e i comportamenti che ne conseguono, utilizzando tecniche specifiche.

L’obiettivo dei due studiosi è quello di generare reazioni e abitudini di successo, per aumentare i comportamenti efficaci e ridurre i comportamenti limitanti.

Oggi i campi di applicazione della pnl sono numerosi: dalla comunicazione efficace alla psicoterapia, dalle prestazioni sportive alla vendita, dalla leadership all’apprendimento rapido e sono in continua espansione.

Dopo questa panoramica sulla programmazione neuro linguistica proviamo ad applicare la pnl su noi stessi e alle nostre credenze negative.

Come superare le credenze limitanti

Qual è l’approccio giusto da intraprendere nei confronti delle convinzioni negative?

Piuttosto che pensare ad eliminare le credenze limitanti è necessario capire come cambiare le credenze limitanti, come farle diventare credenze potenzianti.

Le credenze potenzianti consentono di vedere in tutto ciò che ci circonda delle opportunità. Queste possono essere considerate come il motore di una vita propositiva .

Tra gli esempi di credenze potenzianti troviamo “l’attività fisica fa bene e mi piace”, “mi merito il meglio”, “sono all’altezza di ciascun compito che mi viene assegnato”,

Ecco i passaggi da seguire per ottenere tale risultato:

  • il primo passo da compiere è individuare le credenze limitanti, partendo dalle più evidenti. Può essere utile metterle per iscritto;
  • dopo averle individuate una  bisogna rifiutarle;
  • successivamente è necessario elaborare delle credenze opposte e magari scriverle. Ad esempio la convinzione “sono troppo stupido per capire la matematica” diventerà “non sono troppo stupido per capire la matematica”;
  • il quarto  passaggio è individuare degli esempi a sostegno di queste nuove credenze;
  • infine bisogna passare all’azione, nel caso della matematica l’azione può concretizzarsi nell’acquisto di un manuale o nell’iscrizione a un corso.

Il principio guida da seguire è quello di dubitare delle proprie credenze. Chiedersi come e perché si sono generate.

Consapevolezza e volontà le basi per portare avanti questo tipo di percorso per superare i limiti che ci siamo, erroneamente, imposti.

Informativa ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196/2003

"Codice in materia di protezione dei dati personali" 

Tenuto conto dell'obbligo di informativa nei confronti degli interessati in relazione al trattamento dei dati personali degli studenti, l'Unicusano Università  Telematica Roma, con sede in Roma, in Via Don Carlo Gnocchi 3, in qualità  di titolare del trattamento dei dati Le fornisce le seguenti informazioni:

  1. I dati personali (nome, cognome, indirizzo email, numero di telefono), raccolti attraverso la compilazione del form o al momento dell'immatricolazione, i dati connessi alla carriera universitaria e comunque prodotti dall'Università Telematica nell'ambito dello svolgimento delle sue funzioni istituzionali, saranno raccolti e trattati, nel rispetto delle norme di legge, di regolamento e di principi di correttezza e tutela della Sua riservatezza, per finalità connesse allo svolgimento delle attività istituzionali dell'Università , in particolare per tutti gli adempimenti connessi alla piena attuazione del rapporto didattico ed amministrativo con l'Università ;
  2. Il trattamento sarà  effettuato anche con l'ausilio di mezzi elettronici o comunque automatizzati e può consistere in qualunque operazione o complesso di operazioni tra quelle indicate all'art. 1, comma 2, lettera b) della legge (per trattamento si intende "qualunque operazione o complesso di operazioni svolte con o senza l'ausilio di mezzi elettronici, o comunque automatizzati, concernenti la raccolta, la registrazione, l'organizzazione, la conservazione, l'elaborazione, la modificazione, la selezione, l'estrazione, il raffronto, l'utilizzo, l'interconnessione, il blocco, la comunicazione, la diffusione, la cancellazione e la distribuzione dei dati");
  3. I dati personali saranno inoltre comunicati e diffusi dall'Università  attraverso i propri uffici - sia durante la carriera universitaria dell'interessato che dopo la laurea - a soggetti, enti ed associazioni esterni, per iniziative di orientamento lavoro (stage) e per attività  di formazione post-laurea;
  4. I dati personali potranno essere comunicati ad altri soggetti pubblici quando la comunicazione risulti comunque necessaria per lo svolgimento delle funzioni istituzionali dell'Università  richieste dall'interessato, quali, ad esempio, organi pubblici preposti alla gestione di contributi per ricerca e borse di studio;
  5. Informazioni relative ai laureati, ovvero nominativo, data di nascita, indirizzo, numero di telefono, titolo della tesi e voto di laurea, saranno immesse sulla rete per consentire la diffusione dei dati nell'ambito di iniziative di orientamento di lavoro e attività  di formazione post-laurea.
  6. Per disattivare le future comunicazioni dirette con UNICUSANO o richiedere la cancellazione dei dati personali raccolti può rivolgersi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma o inviare una mail con la richiesta di cancellazione all'indirizzo informazioni@unicusano.it. Nei confronti dell'UNICUSANO Università Telematica Roma, Lei potrà  esercitare i diritti previsti dall' art. 7 del Decreto Legislativo n.196/2003, rivolgendosi al responsabile del trattamento dei dati personali presso UNICUSANO, via Don Carlo Gnocchi 3, 00166 Roma.