informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

I 7 luoghi segreti di Salerno e dintorni che dovresti vedere

Commenti disabilitati su I 7 luoghi segreti di Salerno e dintorni che dovresti vedere Studiare a Salerno

Sei curioso di scoprire quali sono i luoghi segreti di Salerno che dovresti visitare assolutamente? In questa guida percorreremo una panoramica dei 7 posti imperdibili del capoluogo campano.

La Campania è una terra di contrasti in grado di regalare ai suoi visitatori emozioni intense e indimenticabili. È inoltre tra le regioni italiane che vanta il maggior numero di siti riconosciuti Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Tra questi spiccano l’area archeologica di Paestum e la Costiera Amalfitana.

Capitale dell’omonimo principato longobardo nel Medioevo e Capitale d’Italia durante la seconda Guerra Mondiale, Salerno è anche la sede della prima e più importante scuola medica di tutta Europa. Chi vi si reca per la prima volta visiterà certamente i luoghi più famosi della città: il Duomo di San Matteo, Via dei Mercanti, il Lungomare, il Museo Archeologico.

Ma ci sono dei posti insoliti che vale assolutamente la pena di non lasciarsi sfuggire.

Se vuoi sapere cosa vedere tra Napoli e Salerno, leggi la nostra guida e prendi nota dei nostri consigli per visitare Salerno e dintorni. Sei pronto? Iniziamo.

LEGGI ANCHE – I 5 migliori ristoranti a Salerno per studenti.

Salerno: i luoghi segreti che è arrivato il momento di conoscere

Salerno e la sua provincia sono ricchi di bellezze artistiche, culturali e ambientali. Sono tanti e suggestivi, ma spesso nascosti, i luoghi da visitare e le attrazioni turistiche del territorio. Scopriamole insieme.

Top 7 luoghi segreti a Salerno: il Castello di Arechi

Tra i più bei posti panoramici a Salerno che vogliamo consigliarti c’è senza dubbio il Castello di Arechi. Un castello medievale, situato ad un’altezza di circa 300 metri sul livello del mare, che domina la città ed il golfo di Salerno. Il castello è piuttosto noto ai turisti. Quello che però non tutti sanno è che questo è anche uno dei posti migliori dove vedere il tramonto a Salerno. Non esiste coppia, infatti, che di tanto in tanto non scelga il panorama cittadino dall’alto del castello per trascorrere una serata romantica.

Se vuoi sapere cosa fare a Salerno la sera, ti suggeriamo di iniziare proprio dal ristorante del castello, recentemente nominato ambasciatore della cucina del territorio del salernitano.

Giardino della Minerva

Se ami il verde, ti suggeriamo di visitare il Giardino della Minerva, nel cuore del centro storico di Salerno.

Durante il Medioevo questo giardino veniva usato a fini didattici dagli studenti della scuola medica salernitana. Per tale ragione è ritenuto l’antesignano degli orti botanici nell’accezione moderna del termine.

Collocato a metà strada lungo un percorso ideale che si snoda lungo l’asse degli orti murati e terrazzati, salendo dal Parco Comunale, vicino al fiume Fusandola verso il Castello di Arechi, è stato ufficialmente inserito tra i parchi più belli d’Italia.

Oltre ad approfondire le tue conoscenze botaniche, visitando il Giardino della Minerva potrai gustare un’ottima tisana naturale su un terrazzo affacciato sulla città.

Salerno e i suoi segreti: il porto

Tutti conoscono il Porto di Salerno, uno dei maggiori porti italiani, di particolare importanza per il traffico commerciale del centro-sud e per il turismo regionale. E con lui il Lungomare Trieste, dal quale è possibile godere di uno dei più belli tramonti sul mare dalla città. Quello che però pochi sanno è che esiste un luogo nascosto, raggiungibile sia da Salerno che da Cava de’ Tirreni, dalla frazione Alessia. Si tratta della porta che affaccia sul porto di Salerno e che lo incornicia, inserendolo all’interno di una dimensione surreale e fiabesca. Per coloro che amano le scalate e desiderano godersi una passeggiata nella natura, ammirando i bellissimi panorami che questa città può regalare, è sicuramente un posto da non perdere.

Chiesa di San Giorgio: la più bella chiesa barocca di Salerno

Tra i posti segreti di Salerno che vale la pena di riscoprire c’è la Chiesa di San Giorgio. Si tratta di una delle più belle chiese di Salerno, comunemente giudicata come la più bella chiesa barocca della città, che resta però purtroppo ancora sconosciuta a molti turisti. Collocata a poche centinaia di metri di distanza dal Duomo, questa chiesa, costruita con materiali pregiati e ornamenti dorati e ricca di affreschi di altissima qualità, , risale al periodo longobardo. Essa custodisce le rovine di San Pietro a corte, che riecheggiano la storia della città. Faceva parte del convento delle monache benedettine, oggi caserma della Guardia di Finanza e dei Carabinieri. Uno dei più antichi insediamenti monastici di Salerno, risalente agli inizi del IX secolo. Una vera meraviglia, assolutamente da vedere.

Museo Diocesano del Duomo di Salerno: un luogo da riscoprire

Tra i posti segreti o meno conosciuti di Salerno c’è anche il Museo Diocesano San Matteo.  Il più importante contenitore delle opere d’arte di Salerno, ospita opere che vanno dal Medioevo fino al XX secolo. E rappresenta un punto di riferimento fondamentale per conoscere la storia e e la cultura della Campania.

Questo museo ha sede in un’area a nord della Cattedrale e precisamente nel palazzo del seminario arcivescovile che fu, precedentemente, l’ultima sede della scuola medica salernitana.

Un’ampia sezione del museo è costituita dalle opere di Andrea Sabatini, esponente della pittura cinquecentesca e rinascimentale.

Un vero e proprio viaggio nella storia dell’arte di ogni secolo, tra quadri, oggetti e suppellettili di immensa ricchezza.

Salerno e dintorni, cosa vedere: la riserva naturale della Valle delle Ferriere

In pochi lo conoscono, ma il percorso della Valle delle Ferriere, che conduce dai Monti Lattari verso Amalfi, attraverso boschi di felci e ruscelli, è uno dei luoghi più suggestivi di Salerno e dintorni.

Essendo ubicata tra i monti di Scala, protetta da venti freddi e aperta a correnti caldo-umide, la valle ha mantenuto intatto il suo microclima, conservando specie vegetali rare e di epoche lontane.

Il suo nome deriva dai ruderi di ferriere di origine medievale che è possibile trovare lungo il percorso e che rifornivano la Repubblica marinara di Amalfi.

Il percorso conduce alla Valle dei Mulini, dove sono presenti mulini azionati ad acqua, impiegati per la produzione della famosa carta di Amalfi. È qui infatti che si trova il Museo della Carta.

Se ami la natura e vuoi immergerti in un paradiso a pochi passi dalla città, non puoi assolutamente non visitare questo luogo incantato.

LEGGI ANCHE – Cosa fare a Salerno d’inverno.

segreti salernoParco Archeologico di Velia

Vuoi sapere quali sono i posti da visitare vicino Paestum? A 40 Km dal più noto sito archeologico si trovano gli scavi di Velia (o Elea in greco), che rappresentano insieme a Paestum uno dei gioielli del Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano. I resti di questa antica città, con il suo pozzo sacro e le terme, si trovano nel territorio di Ascea Marina, importante località balneare situata tra Agropoli e Palinuro.

Se ti stai chiedendo cosa fare a Salerno d’estate, ti consigliamo, quindi, di iniziare dalle spiagge cristalline di Agropoli, Santa Maria di Castellabate, Acciaroli, Pioppi, Capo Palinuro e Marina di Camerota. E di proseguire, nel pomeriggio, con una passeggiata tra le strade di Velia, per rivivere l’atmosfera della Magna Grecia e respirare l’aria dei grandi filosofi. Primo fra tutti Parmenide, a cui Elea diede i natali.

Conclusioni

Eccoci giunti al termine della nostra guida sui luoghi segreti di Salerno e dintorni da visitare assolutamente. Se i nostri consigli ti hanno incuriosito, non ti resta che organizzare la tua prossima vacanza o gita fuori porta. Scoprirai posti meravigliosi e ricchi di bellezza e di cultura. Buon viaggio!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali