informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa fare a Salerno d’inverno? Idee per il tuo tempo libero

Commenti disabilitati su Cosa fare a Salerno d’inverno? Idee per il tuo tempo libero Studiare a Salerno

Sei uno studente, un cittadino o un turista interessato a sapere cosa fare a Salerno d’inverno?

Allora ecco subito una bella notizia per te: ti trovi nel posto giusto. In questa guida, infatti, ti daremo tanti consigli utili su come impiegare il tuo tempo nella stagione dell’anno più fredda.

Salerno e dintorni è nota soprattuto per il mare, come tutte città della fantastica Costiera Amalfitana. Ma il clima tipicamente mediterraneo, oltre ad estate moderatamente calde, offre anche inverni miti che consentono di visitare luoghi di interesse e poter vivere e godere di questa splendida città tutto l’anno.

Alla luce di ciò, magari l’inverno non sarà il periodo migliore per fare ginnastica all’aperto, ma non mancano di certo cose da fare a Salerno, eventi per passare un Capodanno indimenticabile, locali dove mangiare o fare un aperitivo con gli amici. Per approfondire quest’ultimo aspetto in particolare, ti consigliamo di dare un’occhiata alla nostra precedente guida su dove mangiare a Salerno.

A questo punto abbiamo esaurito tutte le premesse del caso. Non resta che allacciare bene le cinture, perché partiamo subito alla scoperta di cosa fare e cosa vedere a Salerno d’inverno.

Dalla stazione di Salerno alle luminarie

Nei paragrafi che seguono troverai dunque tanti consigli utili su cosa fare a Salerno: cosa vedere a piedi, cosa fare tra Natale e Capodanno o se piove. Ma anche cosa vedere vicino Salerno fuori dal centro. Buona lettura.

Luci d’artista Salerno

Cosa vedere a Salerno a Natale se non le famose luminarie? Iniziamo proprio da qui.

Se non sai di cosa stiamo parlando, ecco come racconta le luci d’artista di Salerno Wikipedia:

«Luci d’artista è un evento che si svolge dal 2006 nel periodo compreso tra inizio novembre e fine gennaio, risultando il maggior attrattore turistico per la città in autunno e inverno. Sul modello di quanto fatto a Torino, nelle strade principali della città e nella villa comunale vengono installate luci di particolare effetto scenografico ed opere luminose di artisti locali e non.

Nel corso delle edizioni, nei 27 km lineari di superficie coperta dalle installazioni, sono state posizionate le opere di Domenico Luca Pannoli, Nello Ferrigno, Enrica Borghi, Eduardo Giannattasio, Luigi Stoisa, Francesco Casorati, Rebecca Horn, Chiara Dynys e Giulio Paolini.

Il monumentale Presepe di sabbia che viene realizzato da famosi scultori internazionali è un altro degli importanti eventi che da dicembre attirano grandi folle da tutta Italia per il natale salernitano. Nel 2016 la natività di sabbia ha attirato oltre 52000 spettatori. Completano l’evento l’albero di 25 metri posizionato in piazza Portanova e il mercatino natalizio allestito nelle piazze del centro storico e sul lungomare Trieste».

L’atmosfera perfetta, insomma, per il clima di festività che già si respira in città. Da non perdere. Ma le idee su cosa fare a Salerno d’inverno non finiscono qui. Continua a leggere e vedrai.

Cosa fare a Salerno se piove: visita ai musei

Fuori fa freddo o addirittura piove. Cosa fare a Salerno d’inverno di meglio che fare un bel giro per gli interessantissimi musei presenti in città? Una alternativa culturale al classico centro commerciale per passare una giornata o qualche ora al riparo dalle intemperie del tempo.

Del resto ne vale certamente la pena. Tra i musei più affascinati in città, infatti, troviamo possibilità di ogni genere. Se ti piace l’archeologia, ad esempio, ti consigliamo di visitare:

  1. Museo Archeologico Provinciale di Salerno, istituito nel 1927 e quindi il più antico della città;
  2. Castello di Arechi, che comprende un museo archeologico e uno multimediale.

Se ami il Rinascimento o il Futurismo, allora non puoi perderti la Pinacoteca Provinciale. Se invece sei appassionato di storia, ecco il Museo dello Sbarco.

Di grande interessa anche il Museo Diocesano, probabilmente il più completo e interessante di tutta Salerno, il Museo virtuale della scuola medica salernitana, ricco di antichi strumenti medici e riproduzioni interattive di codici medievali, il Museo Città Creativa, luogo di esposizione per mostre ed eventi ad Ogliara, e il Museo della Ceramica Alfonso Tafuri, dove è presenta anche una ricca raccolta di riggiole del Settecento napoletano e dell’Ottocento vietrese.

Dulcis in fundo, il Complesso Monumentale Santa Sofia, un ex convento e ora spazio multimediale per mostre ed eventi a Salerno.

Salerno: luoghi di interesse architettonici

Se non ti bastano i musei, ma ti piace comunque scoprire la città con i suoi monumenti, i suoi luoghi storici e artistici, puoi spostare la tua attenzione verso i luoghi di interesse architettonico o religioso. Nella nostra guida su cosa fare a Salerno d’inverno, affrontiamo anche questo aspetto.

L’architettura civile è fortemente caratterizzata soprattutto da vicoli, palazzi nobiliari e edifici antichi risalenti all’epoca longobarda e normanna. Dal Palazzo San Massimo del principe Guaiferio al Teatro Municipale Giuseppe Verdi o i palazzi Fruscione e Pinto.

E poi gli edifici pubblici e residenziali in stile liberty, risalenti ai primi anni del XX secolo. Fra tutti, spiccano:

  1. I palazzi Edilizia, Natella e della Camera di Commercio nella zona del Lungomare Trieste;
  2. Palazzo Barone e Palazzo D’Alessandro, rispettivamente in zona porto e stazione.

Presenta anche l’architettura Fascista, facilmente riscontrabile osservando siti come:

  1. La prefettura
  2. Il Palazzo di Città
  3. Il Liceo Ginnasio Torquato Tasso
  4. Palazzo di Giustizia
  5. Il palazzo delle Poste.

Non mancano nemmeno significative architetture militari:

  1. Il Castello dell’Arechi;
  2. La Bastiglia;
  3. Torre Angellara;
  4. Il Forte La Carnale.

Ma c’è spazio anche per la modernità, grazie alle opere realizzate da alcuni degli architetti più noti del nuovo millennio. Si tratta della Cittadella Giudiziaria di David Chipperfield, la Stazione marittima di Zaha Hadid, Piazza della Libertà di Ricardo Bofill, Marina d’Arechi di Santiago Calatrava, Eden Park di Massimiliano Fuksas.

Architettura e turismo religioso

cosa vedere a salerno d'invernoConcludiamo la parte relativa alle attrazioni architettoniche riguardo cosa vedere e cosa fare a Salerno d’inverno, facendo un passo indietro nel tempo per dedicare un focus sull’architettura religiosa. La maggior parte delle chiese più importanti da questo punto di vista, infatti, sono situate nel centro di Salerno e risalgono all’alto-medioevale. Lo stile predominante è il barocco.

In particolare sono molto belle da vedere la Cattedrale di Salerno, Sant’Andrea de Lavina (di epoca longobarda), la Chiesa del Santissimo Crocifisso e quella Chiesa del Monte dei Morti, San Filippo Neri, Chiesa dell’Annunziata e Chiesa di San Giorgio Quest’ultima è ritenuta la più bella chiesa barocca di Salerno.

Di epoca più recente, ma comunque da visitare, ci sono la Chiesa del Sacro Cuore, risalente agli inizi del ‘900, e la chiesa della Sacra Famiglia, il primo edificio di culto realizzato interamente in cemento armato. Molto suggestivi anche i conventi di San Lorenzo e quello di Nicola della Palma, in cui tra l’altro ha luogo anche l’Istituto Europeo di Ricerche Biomediche.

Eventi a Salerno e dintorni

Tra le prime idee su cosa fare a Salerno d’inverno, ti abbiamo segnalato eventi come Luci d’Artista e il Presepe di Sabbia. Due occasioni che, in particolare da dicembre, attirano grandi folle da tutta Italia per il natale salernitano.

A questi possiamo aggiungere l’albero di 25 metri posizionato in piazza Portanova e il mercatino natalizio di Salerno allestito nelle piazze del centro storico e sul lungomare Trieste.

Uscendo dal contesto natalizio, segnaliamo Linea d’ombra Festival dedicato alle culture giovani. La manifestazione, prodotta dal Comune di Salerno e dal Giffoni Film Festival, rappresenta la naturale evoluzione di una sezione interna di quest’ultimo. Facciamo riferimento a “Padri e Figli”, che raccoglie l’eredità di una precedente sezione della stessa manifestazione, dal titolo “I problemi dei giovani nella cinematografia contemporanea”, curata da Domenico Meccoli. Attualmente si svolge solitamente tra dicembre e gennaio. Poco prima che entri in vigore il pieno inverno, si svolge anche il Festival del cinema di Salerno.

E con questo abbiamo quasi del tutto completato il quadro riguardante cosa vedere a Salerno d’inverno.

Detto ciò, però, sorge spontanea una domanda: cosa vedere vicino a Salerno invece? La provincia è ricca di feste e sagre eccezionali. Dove il folklore, la cultura, la tradizione e la valorizzazione dei prodotti locali spopolano. È il caso, ad esempio, della sagra dell’olio d’oliva che si tiene a dicembre ad Albanella.

E con questo, almeno per il momento, è tutto. La nostra guida su cosa fare a Salerno d’inverno adesso è davvero completa ed esaustiva in tutte le sue parti. A questo punto, non ci rimane che augurarti di trascorrere un buon inverno a Salerno. Senza dimenticare, se sei iscritto all’università, di studiare per la sessione invernale.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali