informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Metodo scientifico sperimentale: che cos’è e in che consiste

Commenti disabilitati su Metodo scientifico sperimentale: che cos’è e in che consiste Studiare a Salerno

Quanto ne sai sul metodo scientifico sperimentale?

Oggi si tratta di uno dei capisaldi della scienza moderna, nella storia ne ha rivoluzionato la visione. Ribattezzato e conosciuto anche come “metodo galileiano”, se sei uno studente di ingegneria non puoi non imbatterti in esso.

In questo articolo cercheremo di fare chiarezza su questo argomento, a partire dalla definizione, fino ad addentrarci meglio in cosa consiste e a cosa serve. Una guida dalla quale, se vorrai, potrai fare una mappa concettuale con i punti salienti da tenere sempre a portata di mano.

Vuoi saperne di più? Allora concentrati e prepara la tua app matematica: bisogna raccogliere dati empirici, vagliare ipotesi, fare analisi matematiche e condurre esperimenti.

Sei pronto? Comprendere il metodo sperimentale potrebbe essere ancora più avvincente che fare giochi per il cervello.

Metodo scientifico: tutto quello che devi sapere

Nei prossimi paragrafi andremo dunque a definire e comprendere cos’è esattamente il metodo scientifico sperimentale. Buona lettura e buoni futuri esperimenti con metodo scientifico.

Metodo scientifico Galileo

Galileo Galilei e il metodo sperimentale: un connubio di cui abbiamo già accennato e che andiamo adesso a spiegare in maniera più dettagliata.

Anche se ne esistono tracce anche in tempi più antichi rispetto a quelli del fisico, astronomo, filosofo e matematico italiano, non a caso considerato il padre della scienza moderna, possiamo affermare senza timore di smentita che la concezione attuale del metodo scientifico sperimentale si deve proprio a Galileo Galilei.

Secondo Galileo, infatti, la comprensione di qualsiasi fenomeno naturale osservabile nella realtà, non può che passare attraverso la sperimentazione empirica e la dimostrazione matematica. Ecco chiarito perché si parla di metodo galileiano.

Metodo sperimentale galileo: definizione

Fatte queste doverose premesse, per introdurre il cuore dell’argomento, non possiamo che passare attraverso la definizione di metodo scientifico sperimentale.

Per farlo, prendiamo come primo riferimento quanto contenuto all’interno dell’Enciclopedia Treccani alla voce “metodo sperimentale“:

«Procedimento che si affermò nell’indagine scientifica a partire dagli inizi del diciassettesimo secolo. Consiste nel sottoporre le ipotesi scientifiche a procedure di controllo sperimentale, che servono a confermarle (nel qual caso le ipotesi si trasformano in leggi scientifiche) o a confutarle.

Teorizzato da F. Bacone e, in modo assai più sistematico, da G. Galilei, il metodo sperimentale si è affinato nel diciannovesimo e ventesimo secolo, riproponendo la contrapposizione tra una concezione induttiva (sostenuta, per esempio, da J.S. Mill) e una ipotetico-deduttiva (difesa da W. Whewell).

Nel Novecento tale contrapposizione si è rinnovata nella filosofia della scienza con la controversia tra i positivisti logici e la teoria del metodo scientifico di K.R. Popper».

metodo scientifico galileoE con questo avrai più chiara anche la distinzione tra metodo induttivo e deduttivo. Due concezioni contrapposte, ma non per forza esclusive. Ne è la dimostrazione proprio la concezione della fisica di Galileo Galilei.

Come vedremo nel paragrafo successivo, infatti, tra le fasi attraverso le quali giungere alla formulazione di una legge scientifica ve ne sono alcune più induttive (osservazione, ipotesi) e altre più deduttive (esperimenti e deduzioni). Ma restiamo al tema centrale del nostro articolo: il metodo scientifico sperimentale.

Metodo scientifico: fasi

Andiamo adesso ad analizzare quali sono le caratteristiche principali del metodo scientifico sperimentale: le fasi. Esse, per l’esattezza, sono cinque:

  1. Osservazione del fenomeno naturale. Fase da svolgere con occhio critico, al fine di separare i fatti essenziali dagli elementi di disturbo;
  2. Scelta delle grandezze. Ovvero determinare, alla luce dell’osservazione precedente, le grandezze fisiche interessate dal fenomeno e da utilizzare per la sua analisi;
  3. Deduzioni e ipotesi. A questo punto si può procedere alla formulazione di ipotesi e deduzioni che spieghino il funzionamento del fenomeno stesso;
  4. Esperimento per la verifica delle ipotesi. INOn si chiamerebbe metodo scientifico sperimentale se non fosse basato sull’esperimento. E questa è la fase giusta per farlo. Così da verificare le ipotesi formulate ed eventualmente provarne la validità. Questo avviene generalmente riproducendo in laboratorio il fenomeno in questione. In caso di esito negativo dell’esperimento, si torna indietro formulando nuove ipotesi;
  5. Formulazione della legge. Se le ipotesi formulate trovano riscontro nell’esperimento, si procede nella costruzioni di leggi in grado di illustrare il fenomeno osservato.

Tutto chiaro? Crediamo e speriamo di sì, ma ad ogni modo, nel paragrafo che segue, proviamo a fare una sintesi di quanto detto finora.

Metodo sperimentale: riassunto

Per riassumere quanto detto fino a questo momento, possiamo utilizzare le parole di Giovani Gentile, riprese proprio dall’enciclopedia Treccani, secondo il quale il metodo scientifico sperimentale:

«È il metodo di tutte le moderne scienze della natura – per questo generalmente chiamate scienze sperimentali – con cui si procede per stabilire l’esistenza obiettiva dei fatti nel mondo fisico e formulare leggi che ancora non si conoscono; ovvero per dedurre, dal controllo con l’esperienza, i limiti entro cui valgono leggi già note. Ed è, nella sua pratica più immediata, ricerca ed effettiva realizzazione delle condizioni più semplici in cui è dato riprodurre un fenomeno che si vuole osservare».

Il tutto, ovviamente, attraverso le fasi della ricerca scientifica elencate in precedenza. Ne consegue che il metodo scientifico sperimentale è, in primo luogo, isolamento dei processi semplici nella complessità del divenire naturale, quindi lo studio per arrivare alle proprietà elementari della materia. In un secondo momento rappresenta la verifica di quali determinate circostanze antecedenti sono necessarie affinché avvenga un fenomeno.

Metodo scientifico: esempi semplici

Per essere ancora più chiari, proviamo adesso a fare un esempio semplice di metodo scientifico sperimentale. Nello specifico, prendiamo in esame il noto esperimento di Pasteur.

Louis Pasteur era un chimico francese che condusse nel 1881 un drammatico esperimento con l’antrace. Egli somministrò l’agente infettivo Bacillus anthracis, seppur attenuato da un agente fisico, ad un certo numero di pecore.

Pasteur intendeva così dimostrare l’origine batterica e non chimica (attraverso l’inalazione dei miasmi ambientali) della malattia, contrariamente a quanto affermato da una gran parte della comunità scientifica del tempo.

La fase di osservazione sulla malattia evidenziava due aspetti sulle pecore:

  1. Si ammalavano dopo aver trascorso del tempo sui campi infetti e  se venivano messe a contatto con il materiale in decomposizione presente sui campi o derivante da altri animali malati;
  2. Nel loro sangue era presente un organismo unicellulare a forma di bastoncello osservabile attraverso il microscopio.

L’ipotesi consisteva nel fatto che le pecore potevano essere rese immuni alla malattia grazie ad un reattivo chimico.

A seguito dell’esperimento, Pasteur registrò che tra le pecore “vaccinate” il tasso di mortalità si assestò al 4%, mentre nelle altre raggiungeva il 92%.

Conoscere la scienza: corsi di laurea Unicusano

Per concludere questa guida sul metodo scientifico sperimentale, non rimane che sottolineare come esso sia molto richiesto e applicato in diverse discipline. Come ad esempio, oltre allo studio dei fenomeni naturali, anche nel campo dell’ingegneria.

Se sogni di diventare un ingegnere, ecco la nostra offerta formativa:

  1. Ingegneria Civile (Corso di laurea triennale);
  2. Magistrale in Ingegneria Civile (biennale);
  3. Ingegneria Agroindustriale (triennale)
  4. Biomedica Industriale (triennale);
  5. Gestionale Industriale (triennale);
  6. Elettronica Industriale (triennale);
  7. Magistrale in Ingegneria Elettronica (biennale);
  8. Meccanica Industriale (triennale);
  9. Magistrale in Ingegneria Meccanica (biennale).

Ma l’ingegneria è solo uno dei settori in cui il metodo scientifico sperimentale risulta essere fondamentale. Per visionare la lista completa dei corsi di laurea e dei master universitari, puoi visitare l’aria didattica del portale Unicusano.it.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali