informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come eliminare il senso di stanchezza fisica e mentale?

Commenti disabilitati su Come eliminare il senso di stanchezza fisica e mentale? Studiare a Salerno

Stai vivendo un senso di stanchezza costante e sei in cerca di soluzioni? Non preoccuparti, il tuo non è un caso isolato. In questa guidati spiegheremo perché accade e come combattere la stanchezza.

La stanchezza, detta anche astenia, è quella condizione di carenza di energie e capacità a seguito di uno sforzo fisico o mentale; può essere anche generata da condizioni di stress.

Questa condizione si può presentare per diverse ragioni, tra le più comuni troviamo il cambio di stagione. In questo caso ne sono causa l’alterazione della serotonina e della melatonina, dovuta alle modifiche nell’alternanza tra luce e buio.

Altra causa comune del senso di stanchezza è lo stress causato da carichi di lavoro tali da renderti più fragile, fisicamente e soprattutto mentalmente. Quando lo stress è protratto nel tempo e diviene cronico dà origine alla cosiddetta “sindrome da burn-out”.

LEGGI ANCHE – Come rilassare la mente ed essere più produttivo: tecniche ed esercizi.

Mens sana in corpore sano

La stanchezza fisica e mentale è riconducibile ad un’alterazione dell’equilibrio tra corpo e mente. Scopriamo come combatterla.

LEGGI ANCHE – Giochi per il cervello: i 10 da provare.

Stanchezza: i sintomi

Il senso di stanchezza influenza negativamente la tua routine quotidiana: diventa più difficile concentrarsi e ricordarsi alcune cose, hai la sensazione di muoverti come uno zombie e ovviamente ti senti stanco sia nella mente che nel corpo. A livello fisico puoi avvertire, insieme:

  • Stanchezza, sonnolenza e capogiri;
  • Dolori muscolari, stanchezza e sonnolenza;
  • Stanchezza alle gambe e sonnolenza.

Altri fastidi fisici che si possono accusare sono:

  • Accelerazione del battito cardiaco;
  • Disturbi del sonno (insonnia, apnee notturne, ecc.);
  • Ulcera dello stomaco;
  • Diarrea;
  • Crampi allo stomaco;
  • Colite;
  • Malfunzionamento della tiroide;
  • Frequente bisogno di urinare;
  • Cambio della voce;
  • Iperattività;
  • Abbassamento delle difese immunitarie.

La sonnolenza si manifesta attraverso la difficoltà di mantenere gli occhi aperti, i capogiri sono spesso accompagnati da vertigini. Nei casi più gravi possono anche presentarsi diarrea o bruciori di stomaco.

Invece a livello mentale i sintomi sono:

  • Depressione;
  • Insoddisfazione;
  • Emozioni negative;
  • Noia;
  • Irritabilità;
  • Confusione mentale.

Quando la stanchezza diventa una condizione costante si parla di stanchezza cronica. Le ragioni che portano a questo stato possono essere diverse, quello che è certo è che in questi casi bisogna rivolgersi a dei medici e seguire una terapia che tenga conto di tutti gli aspetti:

  • Fisici;
  • Psichici;
  • Spirituali;
  • Emotivi;
  • Abitudini radicate.

Corretta alimentazione contro la stanchezza

Ora che abbiamo fatto chiarezza sui sintomi del senso di stanchezza proviamo a darti qualche consiglio su come combatterlo, iniziando da una sana e corretta alimentazione.

Prima di tutto fai un auto-analisi e cerca di capire se qualche tuo comportamento alimentare o qualche abitudine poco salutare possano essere la causa di questo stato. Le domande che devi porre a te stesso sono:

  • Non bevo abbastanza acqua?
  • Dovrei ridurre o eliminare il cibo spazzatura?
  • Dovrei andare a dormire prima la sera?
  • Mi farebbe bene iniziare a fare attività fisica o ginnastica all’aperto?

Se la risposta a queste domande è sì, anche solo ad una, dovresti cercare di darti delle regole da seguire, ti faranno stare meglio.

La stanchezza è un disturbo che va osservato in modo globale, considerando soprattutto l’aspetto psicosomatico.

L’alimentazione può dare un grosso contributo, è infatti importante che gli alimenti utilizzati abbiano il massimo potere nutrizionale e che siano freschi e biologici. Sono assolutamente da escludere:

  • Cibi confezionati;
  • Cibi ricchi di zucchero raffinato o dolcificanti sintetici;
  • Solventi e pesticidi;
  • Cibi di serra (per escludere la presenza di additivi alimentari).

Come insegnano i nostri master dedicati alla nutrizione, un’alimentazione corretta deve essere quanto più possibile vicina alla dieta mediterranea. Quindi ricca di:

  • Cereali integrali;
  • Legumi;
  • Pesce;
  • Semi oleosi;
  • Olio extravergine di oliva;
  • Verdura e frutta si stagione (di produzione biologica).

Mangia il più possibile alimenti ricchi di magnesio:

  • Piselli;
  • Verdure verdi;
  • Mandorle;
  • Arachidi;
  • Cacao.

La funzione principale del magnesio è quella di sostenere il sistema nervoso e contemporaneamente l’apparato muscolare, in quanto aiuta a produrre e a trasportare l’energia. È quindi una sostanza indispensabile per alleviare i sintomi legati al senso di stanchezza.

Come combattere la stanchezza: rimedi della nonna

Per combattere il senso di stanchezza, tra i rimedi della nonna troviamo il ribes nero, un frutto in grado di rinforzare il sistema immunitario, di contrastare la stanchezza e di aumentare la resistenza alle basse temperature. Può essere consumato sotto forma di succo di frutta, marmellata (magari fatta proprio dalla nonna) o infuso caldo; questo frutto sarà in grado di darti una forte spinta energetica contro la stanchezza anomala.

come combattere la stanchezzaUn altro modo per contrastare stanchezza fisica e dolori muscolari, secondo la nonna, è rilassarsi in una vasca da bagno con dell’acqua calda aggiungendo come tocco magico il sale marino. Non solo è l’ideale per rilassarsi e riposare la mente, ma ti aiuta anche a combattere la ritenzione idrica: la stanchezza che provi potrebbe essere una conseguenza di questo tipo di problema di salute. La sensazione di pesantezza e malessere diffuso può essere legata a una cattiva circolazione, che compromette il trasporto di ossigeno alle cellule.

Il rosmarino può aiutarti a contrastare stanchezza, sonnolenza e confusione mentale. Lo puoi consumare sotto forma di infuso: lascia un rametto della pianta in una tazza di acqua bollente per qualche minuto. L’olio essenziale di rosmarino è riconosciuto anche dall’aromaterapia e ti aiuta ad aumentare memoria e concentrazione.

Vediamo invece come può aiutarti la rosa canina. Essendo ricchissima di vitamina C, la rosa canina è un rimedio molto indicato per far fronte alla stanchezza.

Per combattere stanchezza e sonnolenza diurna, inoltre, non c’è niente di meglio del ginseng. Se sei un amante della caffeina, puoi trovare facilmente il caffè al ginseng in ogni bar, è una vera bomba di energia.

Eccoti svelati i segreti della nonna, fanne buon uso.

Combattere la stanchezza attraverso l’olfatto

Prima abbiamo anticipato come l’olio essenziale di rosmarino può rivelarsi utile per contrastare lo stato di affaticamento. Alcune essenze, infatti, aiutano l’organismo a livello psicofisico: sia inalati tramite diffusore ambientale che tramite i vapori dell’acqua della vasca da bagno, rivitalizzano mente e corpo, infondendo una nuova carica energetica. È sufficiente l’aroma giusto per allontanare la sensazione di debolezza e di spossatezza e far sgorgare di nuovo nell’organismo l’energia e la vitalità.

Vediamo, allora, quali sono gli oli essenziali più indicati per ricaricare le batterie e come usarli:

  • L’olio essenziale di rosmarino è un cardiotonico, per questa ragione è indicato in caso di astenia, pressione bassa, debolezza e stanchezza, anche mentale. È un eccellente tonico nervino che attiva la memoria, calma i nervi e rivitalizza;
  • L’olio essenziale di zenzero svolge un’azione tonificante sull’intero organismo. Riequilibra le energie che non sono in armonia, aiuta a svegliare e scaldare i sensi sopiti, migliora la concentrazione e la capacità di giudizio;
  • L’olio essenziale di timo svolge un’azione tonificante sul tema nervoso e ricostituente dell’intero organismo. Risulta utile, appunto, in caso di stanchezza fisica e mentale, mal di testa, astenia. Migliora la memoria e l’attività cerebrale;
  • L’olio essenziale di pino silvestre aiuta a sentirsi subito efficienti al risveglio. Per l’azione stimolante è indicato nei casi di ipotensione e insufficienza cardiaca. Viene utilizzato per attenuare il senso di stanchezza nelle persone affaticate o sotto stress. Utile in caso si disturbi del sonno o di esaurimento nervoso.

Conclusioni

Eccoci giunti alla conclusione di questa guida Unicusano su come contrastare il senso di stanchezza. Per raggiungere dei risultati concreti ricordati di mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato. Se la stanchezza persiste, rivolgiti ad un medico che in seguito ad una precisa diagnosi saprà indicarti la cura più efficace per te.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali