informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

5 consigli utli per non sentirsi inadeguati

Commenti disabilitati su 5 consigli utli per non sentirsi inadeguati Studiare a Salerno

Come fare a non sentirsi inadeguati in particolari situazioni di imbarazzo?

Certamente può aiutare tenere un diario personale o darsi la carica con frasi incoraggianti o di in bocca al lupo. Tutte cose utili, e di cui parleremo, ma che non sempre bastano. Ecco perché, in questo articolo, cercheremo piuttosto di trovare le motivazioni che stanno all’origine del senso di inadeguatezza e soprattutto delle soluzioni più efficaci e durature per fronteggiare questa brutta sensazione.

Ci sono coloro che hanno il problema di sentirsi inadeguati in amore o chi ha paura di essere all’altezza sul lavoro e quelli che provano insieme un senso di inadeguatezza e depressione. Se anche a e capita di ritrovarti in situazioni del genere, non preoccuparti: non sei l’unica persona al mondo, anzi è una sensazione piuttosto comune e diffusa, ma soprattutto è una difficoltà che si può superare. Basta avere personalità e maggiore consapevolezza di se stessi e di ciò che sta intorno.

Vuoi saperne di più? Allora non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito della questione: come fare per non sentirsi inadeguati.

Problemi relazionali: senso di inadeguatezza

Nei paragrafi che seguono, cercheremo dunque di saperne di più su come a rilassare la mente e riuscire a non sentirsi inadeguati nelle situazioni che ci imbarazzano. Lo faremo attraverso cinque consigli utili che speriamo possano farti superare ogni eccessiva paura di sbagliare o complessi come quello di sentirsi falliti, che spesso rischiano di sfociare in un disturbo evitante o nel ritiro sociale.

Inadeguato: significato

Prima di tutto, occorre capire cosa si intende per inadeguatezza e quindi sentirsi inadeguata o inadeguato, uno status che il vocabolario Treccani definisce in questo modo:

«Non adeguato; inferiore, insufficiente per qualità o quantità a un determinato scopo: essere inadeguato a un compito, a un lavoro; stipendio inadeguato alle necessità di vita; frequente con uso assol.: accingersi alla lotta con mezzi inadeguati; avere una preparazione inadeguata».

Ne consegue che l’inadeguatezza è il fatto di essere inadeguato. Una sensazione, però, che spesso non ha motivo di esistere e che può essere dipeso da diversi motivi. Al centro dei quali c’è il tema della paura e un eccessivo senso di vergogna.

Quando questo genere di sensazioni ed emozioni prendono il sopravvento si tende a credere che:

  1. Non valgo niente;
  2. I miei difetti sono insormontabili;
  3. Non merito attenzioni e affatto da chi voglio bene;
  4. Devo sospettare di chi mi mostra affetto;
  5. Non merito di essere amato o amata e quindi sento inadeguatezza in amore;
  6. Se raggiungo dei traguardi sono solo frutto di fortuna e non delle mie capacità o della mia bravura.

Da queste considerazioni sbagliate e quindi da una lettura errata o comunque pessimistica della realtà, possono a loro volta derivare sindrome e disturbi controproducenti. Andiamo a scoprire quali.

Disturbo evitante della personalità e sindrome dell’impostore

Sentirsi inadeguati sfocia spesso in un disturbo di personalità caratterizzato da un’estrema sensibilità che porta all’inibizione sociale. Questo è detto Avoidant Personality Disorder (AvPD), in italiano disturbo evitante della personalità o disturbo ansioso di personalità.

Le persone affette da questo particolare disturbo si autoconvincono di essere socialmente incapaci o non attraenti a livello personale e per questo hanno paura di risultare antipatici, di essere rifiutati e ridicolizzati e quindi a sentirsi sempre fuori posto. Questo li porta ad evitare il più possibile le interazioni sociali.

Non è invece riconosciuto, ad oggi, come disturbo mentale la sindrome dell’impostore, altra particolare sensazione del sentirsi inadeguati.

Sindrome dell’impostore

inadeguatezzaAnche i migliori sbagliano, si sa. Ma un fenomeno forse sottovalutato è quello che affligge persone in gamba che però tendono a sottovalutare le proprie capacità. Anche questa è un modo di sentirsi inadeguati. Questa sindrome è detta “dell’impostore”.

Questa definizione è stata coniata nel 1978 da due psicologhe, Suzanne Imesda e Pauline Clance, in The imposter phenomenon in high achieving women: Dynamics and therapeutic intervention. All’interno del quale spiegano come si tratti di una condizione psicologica particolarmente diffusa fra le persone di successo, caratterizzata dall’incapacità di interiorizzare i propri successi e dal terrore persistente di essere esposti in quanto “impostori”.

In particolare molte donne, nonostante le eccezionali doti accademiche e professionali, persisterebbero nel credere di non essere davvero brillanti. Bensì avrebbero in un certo senso ingannato chiunque la pensi diversamente, ricevendo dunque una considerazione o una gratificazione eccessiva e non meritata. Nei casi più seri, questo sentirsi sbagliati è un pensiero che terrorizza la “vittima” della sindrome dell’impostore.

Cinque consigli per stare meglio con se stessi

Fatte tutte le doverose premesse del caso, passiamo adesso ai cinque consigli che ti abbiamo promesso per non sentirsi inadeguati:

  1. Impara ad ascoltare te stesso, le tue paure e i tuoi sentimenti. Come abbiamo accennato nell’introduzione di questo articolo, se è utile puoi anche tenere un diario personale nel quale appuntarti le tue sensazioni, le situazioni nelle quali non ti senti all’altezza, i tuoi pregi e i tuoi difetti. In modo da avere chiari quali sono questi ultimi e tentare di correggerli;
  2. Poniti dei piccoli obiettivi e raggiungili. Inizia da qualcosa che ami o in cui credi. Fai solo promesse realistiche e inizia a mantenerle. Aiuta gli altri. Concentrati su di te, ma non solo. Renderti utile a chi ha bisogno fa bene al tuo spirito e aumenta la tua sicurezza. Esci dalla tua zona di comfort. Basta scappare, bisogna essere determinati. Sfida le gradualmente le situazioni che ti mettono a disagio;
  3. Elimina qualcosa di deleterio. Se hai vizi o atteggiamenti specifici che non ti piacciono, ma ai quali non riesci a rinunciare, è il momento per neutralizzarli. Se ci riuscirai, ti sentirai davvero soddisfatto. Questo esercizio servirebbe a tutti per accrescere la propria autostima e dunque capire come essere sicuri di se. Allo stesso modo, non circondarti di persone negative che non credono in te o che sono brave solo a criticare o a farti sentire accusato o a disagio;
  4. Pensa e agisci positivo. Senza arroganza, l’ottimismo aiuta a vivere meglio;
  5. Trova il modo di darti la carica. Spesso fare attività fisica aiuta a distrarsi, a concentrare le forze e a sentirsi meglio. Molti traggono forza anche leggendo frasi e aforismi motivazionali.

Proprio di quest’ultimo punto parleremo nell’ultimo paragrafo di questa guida.

Frasi motivazionali

Ed eccoci quasi giunti alla fine della nostra guida. Prima di concludere, però, vogliamo lasciarti un ultimo regalo per non sentirsi inadeguati: frasi motivazionali per avere maggiore fiducia in se stessi. Ecco una piccola raccolta di dieci citazioni per te:

  1. «Osa diventare ciò che sei. E non disarmarti facilmente. Ci sono meravigliose opportunità in ogni essere» – André Gide;
  2. «Nessun uomo è inutile, se allevia il peso di qualcun altro» – Mahatma Gandhi;
  3. «Ogni vincitore che abbia mai incontrato dice: “la mia vita è cambiata quando ho iniziato a credere in me stesso”» – Robert Harold Schuller;
  4. «Solo perché una cosa non fa ciò che tu ti aspetti, non significa che sia inutile» – Thomas Edison;
  5. «Incontrerai sempre persone che cercheranno di sminuire i tuoi successi. Cerca di non essere tu il primo a farlo» – Michael Crichton;
  6. «In natura non c’è niente di inutile; nemmeno l’inutilità stessa» – Michel de Montaigne;
  7. «Togli il “non” dalla frase “non posso”» – Samuel Johnson;
  8. «Più l’universo ci appare comprensibile, più ci appare inutile» – Steven Weinberg;
  9. «Nessun può obbligarti a sentirti inferiore senza il tuo consenso» – Eleanor Anne Roosevelt;
  10. «Puoi avere ciò che vuoi semplicemente se sei disposto a liberarti della convinzione che tu non puoi» – Harold Robbins.

E con questo è tutto. Adesso tocca a te fare di tutto per non sentirti inadeguato. Credere in te stesso è il primo passo, per tutto il resto rileggi pure questa guida ogni volta che vuoi, sperando che possa esserti utile.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali