informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Colazione di pasqua: tradizioni e ricette tipiche

Commenti disabilitati su Colazione di pasqua: tradizioni e ricette tipiche Studiare a Salerno

Cosa portare a tavola per colazione di pasqua?

Dolce o salata che sia, si tratta di una tradizione tramandata nei secoli specialmente nel Centro Italia: dal Lazio, dove spiccano i piatti tipici romani come la pizza di Pasqua, fino alla pastiera napoletana e il casatiello in Campania.

Molto sentita anche la tradizione della colazione di pasqua umbra e quella marchigiana, ma anche Lombardia e Sardegna sono ricche di ricette per la colazione nel giorno della Resurrezione di Cristo.

Ecco perché. in questo articolo, ti suggeriremo cosa cucinare a Pasqua in tutta Italia, con un focus particolare su cosa fare a Salerno e dintorni.

Se invece preferisci delegare o affidarti all’esperienza dei migliori professionisti della ristorazione, puoi dare un’occhiata alla nostra guida su dove mangiare a Salerno.

Cibi tradizionali di pasqua: la colazione

Vorresti conoscere i migliori menù tradizionali per una colazione di Pasqua indimenticabile? Piatti e pietanze buone da gustare e in grado di farti scattare le più belle foto di colazioni da condividere sui social. Ce n’è per tutti i gusti, per grandi e piccini. Se sei una buona forchetta e un’amante della cucina tipica, non potrai non gradire. Non ci rimane di andare subito a scoprirne di più: buona lettura e buon appetito.

Colazione e pranzo di Pasqua tipico romano

Dici colazione di Pasqua e pensi subito alla Capitale. Il menu tradizionale di Pasqua a Roma è uno dei più importanti e conosciuti. Ma quali sono i piatti tipici romani dedicati alla mattina della Resurrezione?

Nelle tavole imbandite per l’occasione, si prepara una sontuosa colazione nella quale vengano servite ricche pietanze, sia dolci che salate. Eccone 6 davvero speciali da non perdere:

  1. Pizza sbattuta. Simile al pan di Spagna, in alcune zone è conosciuta come crescia di Pasqua pesarese o torta bruscia, trattandosi di una pizza dolce di Pasqua;
  2. Salumi come il tipico salame corallino (nota anche come corallina);
  3. Frittata con le mammole, una varietà di carciofi non spinosi e dalla forma tonda, tipica di questo periodo dell’anno;
  4. Uova sode, simbolo della Resurrezione;
  5. Pane casereccio caldo;
  6. Coratella alla romana d’agnello con i carciofi.

Insomma, una sorta di brunch ante litteram.

Un consiglio: Uovo di Pasqua e pizze dolci e sono un abbinamento eccezionale, soprattutto per la gioia dei bambini e dei più golosi. Anche se il piatto più originale e da non saltare assolutamente per il pranzo o la colazione di pasqua nella Capitale è senza ombra di dubbio la coratella romana. Provare per credere.

Cucina delle Marche e dell’Umbria per la mattina di Pasqua

Dopo aver inaugurato la nostra carrellata dedicata alla colazione di pasqua partendo dalla Capitale d’Italia, proseguiamo andando a scoprire i cibi marchigiani e umbri più in voga per un’occasione così importante. Andiamo dunque a scoprire cosa si mangia a Pasqua in queste bellissima regioni del Centro Italia.

Ecco altre sei pietanze immancabili nelle tavole di Pasqua nelle Marche:

  1. Piconi. Particolari ravioli salati, preparati seguendo una ricetta tradizionale contadina che da vita ad un piatto tipico marchigiano a base di uova e formaggio derivante da agnelli o pecore;
  2. Pizza di Pasqua dolce. Condita con una dolce glassa di zucchero, detta fiocca, decorata con dei piccoli confetti colorati.
  3. Fave e pecorino;
  4. Agnello pasquale dolce. Un guscio di pasta frolla a forma d’agnello, ripieno di cioccolato, mandorle tritate, uova, zucchero e canditi;
  5. Calcioni marchigiani. I più famosi dolci tipici pasquali di questa zona;
  6. Ciambelle strozzose. Le classiche ciambelle di pasqua marchigiane.

Facendo un salto in Umbria, invece, torna di moda la pizza pasquale. Non solo quella dolce però, che in questo caso è molto simile al più classico panettone natalizio, ma anche quella al formaggio. Quest’ultima è ottima con il capocollo locale, messo a stagionare proprio dalle festività natalizie, o con il più delicato lombetto, una delle parti più magre e pregiate del suino.

Colazione pasquale in Campania

pizza di pasquaEd eccoci giunti alla nostra regione: la Campania, che rappresenta da sempre una delle cucine tipiche più importanti del nostro Paese e non solo. Non fanno eccezione le tradizionali ricette per la colazione di Pasqua.

Qui la bontà dei piatti tipici pasquali incrocia l’affascinante simbologia di cui è ricca la cultura popolare locale. Non a caso al centro della colazione di Pasqua campana troviamo elementi come il grano, che testimonia rinascita, prosperità e vita. A partire dalla Pastiera, dolce per eccezione della Pasqua e della primavera, fino al delizioso Casatiello, altra pietanza dall’altro valore simbolico. Un rustico tipico napoletano a base di pasta di pane, strutto, uova, formaggio, dadini di salumi e pepe. Le uova crude posizionate all’interno, con il guscio sporgente e adornate da una croce di pasta, rappresentano la corona di spine posta sulla testa di Cristo sul crocifisso.

Cibi di Pasqua più specifici della zona di Salerno e dintorni, invece, sono:

  1. Pizzachiena di Pellezzano (torta rustica);
  2. Pizza di grano o di riso;
  3. Colomba di Pasqua con crema di limoni di Amalfi;
  4. Pasticcio olivetano, dolce a base di grano, amarene e crema pasticcera, tipico in particolare della zona di Oliveto Citra;
  5. Farnata di Siano, a base di polenta di granoturco.

Un’offerta variegata, come puoi notare, che va dal dolce al salato, per una colazione di Pasqua più leggera o in pieno stile brunch.

Cucina pasquale: le altre ricette della tradizione italiana

Concludiamo il nostro viaggio alla scoperta delle tradizioni legate alla colazione di Pasqua, con una carrellata di cibi pasquali provenienti da diverse regioni italiane non ancora menzionate.

Iniziamo delle ricette pasquali lombarde. Qui a farla da padrona, come in tutta Italia, è la Colomba, altro prodotto dal forte impatto simbolico, in quanto rappresentante valori di pace e libertà. Una tradizione probabilmente nata in questa regione negli anni trenta, per intuizione e mano di una storica ditta di panettoni alla ricerca di una ricetta per riutilizzare materiali e impasto natalizi. Anche se la paternità di questi dolci tipici pasquali viene rivendicata pure in Sicilia, dove palummeddi e pastifuorti esistono da sempre.

In occasione della colazione di Pasqua in Sardegna, invece, si preparano le cosiddette Pardulas, conosciute anche come Casadinas o Formaggelle.

Nello specifico, si tratta di un dolce per pasquale facile da preparare, tipico della tradizione sarda. Piccole tortine dolci o salate, molto delicate e gustose, con ripieno di ricotta o di formaggio.  Le versioni più conosciute sono quelle all’aroma di arancia o limone, ma tra le più buone c’è anche quella con l’uvetta. Preparazioni molto simili, ma sapore finale diverso.

E con questo siamo giunti alla conclusione della guida speciale di Unicusano alla colazione di Pasqua. Conserva il link di questo articolo e, in prossimità delle festività legate alla Resurrezione di Cristo, scegli cibi e ricette più adatti a te e ai tuoi gusti culinari.

Sperando di averti dato degli ottimi spunti per la tua cucina in un’occasione di festa così importante, non ci rimane che augurarti buona colazione di Pasqua e buon appetito.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali