informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come vincere la pigrizia: 5 consigli da seguire

Commenti disabilitati su Come vincere la pigrizia: 5 consigli da seguire Studiare a Salerno

Cerchi un modo per aumentare la tua produttività e ti serve qualche consiglio su come vincere la pigrizia?

Non importa se nella vita studi o lavori. Certamente ti sarà capitato qualche momento in cui ti sei lasciato sopraffare dalla voglia del dolce far niente.

Ci sono dei periodi in cui si è meno portati ad essere produttivi. Questo può essere ricondotto a diverse cause, ma quello che è evidente è un forte calo delle determinazione nel portare a compimento i propri obiettivi e un aumento del senso di svogliatezza.

Se anche tu rientri tra i pigri cronici e vuoi sapere come combattere la pigrizia, sei nel posto giusto. Questa guida è stata scritta proprio per te, a cui la pigrizia è un tema molto caro.

Sei pronto? Andiamo!

LEGGI ANCHE – Come eliminare il senso di stanchezza.

Vincere la pigrizia in modo semplice

Si sta per avvicinare una pesante sessione di esami, ma la tua voglia di studiare è pari a zero? Non preoccuparti, in questo articolo proveremo ad aiutarti. Che aspetti? Leggi e scopri come vincere la pigrizia.

Le mosse per combattere la pigrizia

Quando hai degli obiettivi, più o meno importanti, da portare a termine, la pigrizia e la svogliatezza possono essere i tuoi nemici principali.

Ma cosa serve per battere questi mostri e poter agevolare la strada verso il raggiungimento dei tuoi obiettivi?

Innanzitutto bisogna chiarire cosa si intende per pigrizia. La pigrizia è uno stato di passività che ci fa tendere a lasciare le cose come sono, che ci induce a non compiere nessuna azione. Spesso la pigrizia può essere giustificata, come ad esempio dopo una lunga giornata di lavoro, in cui ci si sente stanchi e non si ha voglia di fare nulla. Altre volte invece questo stato si cronicizza sfociando addirittura in pigrizia patologica.

La pigrizia non è sempre correlata a stanchezza fisica, ma può configurarsi come semplice pigrizia psicologica, ed è proprio questa che vogliamo aiutarti a combattere.

Le nostre proposte per sapere come vincere la pigrizia sono:

  • Saperla riconoscere;
  • Scomporre le attività;
  • Analizzare le abitudini;
  • Non fuggire;
  • Prendere spunto dalle persone di successo.

Nei prossimi paragrafi troverai i nostri consigli per evitarla.

Pigrizia o bisogno di tempo per sé?

Il primo passo per vincere la pigrizia è saperla riconoscere.

Spesso persone che in realtà sono molto attive, si auto-definiscono pigre perché trascorrono gran parte del tempo libero rilassandosi.

Nella società odierna, in cui bisogna essere continuamente occupati, dedicarsi alle proprie passioni o all’ozio non viene visto di buon occhio, quindi può capitare di sentirsi inadeguati e poco produttivi.

La prima domanda che devi porti è: è pigrizia, svogliatezza oppure necessità di dedicare del tempo a te stesso? Dopo aver individuato di cosa si tratti, devi imparare a combattere la pigrizia.

Sicuramente quando si ha una grande mole di lavoro o di studio, la pigrizia è la risposta a una condizione di stress troppo elevata. In questo specifico caso, non si può parlare di pigrizia, e dunque rischi di sviare il vero problema e di non riuscire a correggerlo.

In queste condizioni, il tuo problema potrebbe essere riconducibile a:

  • Mancanza di autodisciplina: non riesci a portare a termine i progetti e ti distrai spesso. Prova a darti delle regole;
  • Aspettative lontane dalla realtà: fissa degli obiettivi e misura le performance. Se continui nell’inattività, forse gli obiettivi sono poco realistici;
  • Poca motivazione: se non hai stimoli, evidentemente hai preso degli impegni che non ti interessa davvero portare a termine.

Come vedi, spesso, la pigrizia è un alibi per non far emergere un disagio più grande.

Per ognuno dei punti che ti abbiamo mostrato sopra, esistono dei rimedi:

  • Fissa degli obiettivi raggiungibili;
  • Datti una disciplina;
  • Concediti delle ricompense al raggiungimento degli obiettivi e premia così la tua disciplina.

Su Internet puoi trovare diversi test sulla pigrizia, che possono aiutarti a misurare il tuo livello di laboriosità. Uno di questi è quello elaborato dal sito Nienteansia.it.

Suddividere le attività per sconfiggere la pigrizia

Uno dei consigli migliori per combattere la pigrizia è quello di sezionare le attività da svolgere in obiettivi più piccoli.

Troppe volte, infatti, non portiamo a compimento le nostre attività non per svogliatezza, ma perché sono troppo grandi, complessi e richiedono molto tempo. Scomporre l’obiettivo primario in sotto obiettivi può aiutarti parecchio. In questo modo non avrai più scuse per lasciare le tue attività incomplete. Esse infatti non saranno più percepite come difficili. In questo modo inoltre aumenterai la tua produttività, nel lavoro e nello studio. Per esempio, anziché studiare un intero manuale tutto in un’unica volta, scomponilo in capitoli e studiane un paio al giorno.

Analizzare le propri abitudini

Alcune abitudini sono molto pericolose per la produttività, nonostante sembrino innocue. Se ad esempio, arrivato a casa la prima cosa che fai è stenderti sul divano e accendere il televisore, la tua serata si preannuncia come poco produttiva.

Se stai cercando di capire come vincere la pigrizia e fare sport perché magari hai bisogno di perdere qualche chilo, ti basterà cambiare le tue abitudini. Evita di lanciarti sul divano, indossa una tuta e vai subito a correre o a fare una passeggiata.

Alcuni studi hanno dimostrato che per effettuare un cambio di abitudini servono circa 20 giorni. All’inizio sarà dura ma, una volta appresa la routine, diverrà tutto molto naturale.

combattere-la-pigriziaNon fuggire, vinci la pigrizia

Quando hai molte cose da fare, probabilmente ti ritrovi a cercare delle vie di fuga per evitare l’impegno.

Anziché studiare, inizi a fare tutt’altro: cucinare, pulire la stanza, giocare ai videogiochi. Queste attività, qualcuna più necessaria di altre, avranno sicuramente un loro tempo, ma non puoi utilizzarle per sentirti meno in colpa mentre stai sopravvenendo al tuo impegno principale: lo studio.

Per sconfiggere la tentazione di fare altro, devi rivolgerti una domanda: cosa faccio solitamente invece di svolgere i miei compiti?

Una volta individuate le vie di fuga, devi eliminarle imponendoti una disciplina. Fai sparire tutti gli elementi di distrazione e prova a rimanere concentrato. A questo proposito, ti consigliamo la lettura del best seller di Francesco Cirillo, “La tecnica del pomodoro”, un testo ricco di consigli pratici per gestire al meglio il proprio tempo, aumentare la produttività e favorire la concentrazione.

LEGGI ANCHE – App pomodoro: come funzionano e dove scaricarle.

Perché vincere la pigrizia: segui le persone di successo

Per combattere la pigrizia e la svogliatezza non c’è niente di meglio che osservare i comportamenti delle persone di maggior successo. Osservali, studiali e impara da loro. Cerca di confrontarti con persone che tu reputi vincenti e cerca di carpire i loro segreti.

Circondati di persone positive e di successo. Leggi le biografie di chi ha compiuto grandi azioni e libri su come aumentare la tua produttività. Vedrai che raggiungere gli obiettivi otterrai certamente dei risultati soddisfacenti.

LEGGI ANCHE – Come fare meditazione (e perché ti aiuta a concentrarti).

Vincere la pigrizia: conclusioni

Riuscire a superare le abitudini negative come vincere la pigrizia prevede un allenamento costante e la messa in pratica di alcune azioni da svolgere quotidianamente. Quando non sai bene cosa fare, scegli di agire anziché adottare un comportamento passivo.

Utilizza questi consigli per migliorarti senza dover ricorrere ai farmaci contro la pigrizia. Questi infatti dovrebbero essere utilizzati solo nei casi più complessi. Un’alternativa da poter considerare, che risulta meno invasiva dei farmaci, è rappresentata dagli integratori contro la pigrizia. Sul mercato ne esistono diversi.

Il nostro consiglio principale però rimane quello di lavorare su te stesso e imparare a mettere in pratica abitudini virtuose. Vedrai che ogni volta che riesci sconfiggere la tua pigrizia ti sentirai più forte e più vicino al raggiungimento dei tuoi obiettivi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali