informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Che cos’è e come superare il concorso per dirigente scolastico

Commenti disabilitati su Che cos’è e come superare il concorso per dirigente scolastico Studiare a Salerno

Ti stai chiedendo come superare un concorso per dirigente scolastico?

Prima di rispondere a questa domanda vediamo insieme chi è e quali sono i compiti del dirigente scolastico.

Figura autorevole e rispettata nelle scuole, il dirigente scolastico organizza e dirige le attività scolastiche e si occupa di controllare le risorse finanziare concesse dallo Stato alla scuola. Il dirigente scolastico si occupa inoltre dell’assunzione del personale docente e in alcuni casi anche del loro licenziamento.

Deve occuparsi della presidenza delle commissioni riguardanti gli esami di stato del primo e del secondo ciclo, la presidenza di commissioni di concorso a cattedre, la reggenza di ulteriori istituti scolastici e molti altri incarichi.

In pratica non è altro che il preside della scuola, ma rispetto a qualche tempo fa adesso le funzioni del dirigente scolastico sono aumentate.

Quella del dirigente scolastico è una posizione molto ambita e per diventarlo bisogna superare il concorso per dirigente scolastico emanato dal Ministero della Pubblica Istruzione.

LEGGI ANCHE – Come diventare dirigente sanitario: studi e possibilità.

Dirigente scolastico: funzioni e come affrontare il concorso

Sapere in che modo affrontare la prova scritta e la prova orale del concorso per diventare dirigente scolastico è importantissimo. Vediamo quindi subito come fare.

LEGGI ANCHE – Lavori part-time per studenti: ecco dove trovarli online.

Struttura del concorso

Iniziamo brevemente a vedere com’è strutturato il concorso, per poi approfondire i punti più importanti che ti aiuteranno a capire come superarlo.

Il concorso per dirigente scolastico è un concorso nazionale emanato dal MIUR ed è rivolto al personale docente ed educativo che abbia:

  • ottenuto la conferma in ruolo
  • ottenuto assunzione a tempo indeterminato
  • prestato un servizio di almeno 5 anni

Inoltre il candidato deve aver conseguito almeno uno dei seguenti livelli d’istruzione:

  • laurea magistrale, specialistica o laurea conseguita in base al previgente ordinamento
  • diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica
  • diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore.

compiti del dirigente scolasticoPer diventare dirigente scolastico bisogna superare due prove (scritta e orale) e una prova preselettiva. Le prove successive si dividono in una prova scritta basata su 7 quesiti e una prova orale che potrà essere superata ottenendo un punteggio pari o superiore a 70 punti in un massimo di 100.

Insomma, se questa è la tua strada ti aspettano anni di studio e delle prove per niente semplici. Ma non preoccuparti, adesso ti spiegheremo nei dettagli cos’è e come superare un concorso per dirigente scolastico.

Concorso per diventare dirigente scolastico: la prova preselettiva

La prova preselettiva ha una durata di cento minuti e viene svolta al computer. In questo modo il sistema acquisisce le risposte del candidato allo scadere del tempo. Ciascuno dei 100 quesiti ha quattro opzioni di risposta ma una soltanto sarà quella corretta. L’ordine dei quesiti sarà diverso per ciascun candidato.

I temi che riguardano la prova sono gli stessi della prova scritta e orale, che vedremo più avanti. Il punteggio massimo è di 100 punti, ogni risposta corretta vale 1 punto e la risposta errata vale meno 0,3 punti. Nel caso di risposta non data non verrà assegnato nessun punto.

Il punteggio verrà comunicato al termine della prova e non influirà sul punteggio finale ma servirà solo allo scopo del superamento per accedere alle prove successive. Ovviamente è bene ricordare che non si potrà in alcun modo svolgere la prova portando con se carta, libri, dizionari, testi di legge, pubblicazioni e telefoni cellulari o dispositivi usati per comunicare.

La prova scritta

Dopo questa fase si passerà alla prova scritta, una prova unica su tutto il territorio nazionale che si svolge nelle sedi individuate dagli USR in un’unica data in una o più regioni, scelte dal Ministero, articolata in 5 quesiti a risposta aperta e 2 quesiti a risposta chiusa in lingua straniera.

È importante prepararsi, considerando che il punteggio massimo conseguibile è di 100 punti.A ciascuno dei 5 quesiti a riposta aperta è attribuito un punteggio massimo di 16 punti.Questi possono riguardare diverse tematiche, tra cui:

  • normativa riferita al sistema educativo di istruzione e di formazione e agli ordinamenti degli studi in Italia
  • modalità di conduzione delle organizzazioni complesse
  • processi di programmazione, gestione e valutazione delle istituzioni scolastiche
  • organizzazione degli ambienti di apprendimento
  • organizzazione del lavoro e gestione del personale
  • valutazione ed autovalutazione del personale, degli apprendimenti e dei sistemi e dei processi scolastici
  • elementi di diritto civile e amministrativo
  • contabilità di Stato
  • sistemi educativi dei Paesi dell’Unione Europea.

Mentre agli altri 2 quesiti in lingua straniera tra inglese, francese, spagnolo e tedesco e risposta chiusa è attribuito un punteggio massimo di 10 punti (2 per ciascuna risposta chiusa corretta).

La prova verrà svolta al computer, accedendo alla postazione tramite un codice fornito il giorno stesso dell’esame.

La cosa più importante da fare per avere delle possibilità in più, oltre ovviamente leggere attentamente il quesito, è di organizzare bene il tempo che hai a disposizione. Il tempo totale per rispondere ai quesiti è di 150 minuti per 7 domande, mediamente 21 minuti a domanda. Il tuo obiettivo è di rispondere correttamente a tutti e 7 i quesiti, quindi è preferibile rispondere parzialmente piuttosto che non rispondere a qualche quesito.

Concorso per diventare dirigente scolastico: la prova orale

Una volta superata la prova scritta del concorso per dirigente scolastico il candidato verrà convocato tramite posta elettronica e verrà informato del voto ottenuto.

Se avrai superato la prova scritta, dovrai affrontare la prova orale. Per quanto riguarda il concorso per dirigente scolastico del 2019 i colloqui inizieranno il 20 maggio e termineranno il 10 luglio.

Anche se le materie su cui bisogna prepararsi per affrontare la prova orale sono le stesse della prova scritta, la prova orale è molto più complessa: ha una durata complessiva di 50 minuti ed è divisa in diversi step, che andiamo subito a vedere.

Dovrai prepararti per un colloquio che serve ad accertare la tua preparazione professionale nelle materie di esame, con particolare attenzione a:

  • risposta ad un quesito
  • soluzione di un caso riguardante la funzione del dirigente scolastico.

Successivamente seguirà la verifica di conoscenze informatiche e tecnologie della comunicazione che comprende una prova pratica su uno dei seguenti argomenti:

  • elaborazione testi
  • utilizzo di fogli di calcolo
  • realizzazione di una presentazione
  • motori di ricerca e gestione della posta elettronica
  • sistemi per la condivisione di files

Infine si procederà alla verifica della conoscenza della lingua straniera prescelta tra francese, inglese, tedesco e spagnolo a livello B2, attraverso la lettura e la traduzione di un testo scelto dalla Commissione e attraverso una conversazione.

I quesiti da sottoporre ai candidati sono predisposti dalla Commissione e dalle Sottocommissioni d’esame estraendoli a sorte.

Inoltre, come già detto, durante la prova orale si può raggiungere un massimo di 100 punti: la prova si supera arrivando almeno a 70 punti.

I 100 punti sono suddivisi per diverse modalità di valutazione, basate su un colloquio sulle materie d’esame (massimo 86 punti), sull’accertamento della conoscenza della lingua straniera (12 punti) e sull’accertamento della conoscenza dell’informatica (6 punti).

Conclusioni

In virtù di quanto detto all’interno di questa guida sul concorso per dirigente scolastico, comprenderai come per superare questo tipo di prove occorre essere preparati a dovere.

Ecco perché l’Università Niccolò Cusano offre diversi Master che sono perfetti per comprendere meglio quali sono i compiti del dirigente scolastico e per la preparazione del concorso, in particolare quelli relativi all’Area Formazione e Mondo Scuola Online.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali