informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Cosa vuol dire resilienza e in che modo può aiutarti nella vita

Commenti disabilitati su Cosa vuol dire resilienza e in che modo può aiutarti nella vita Studiare a Salerno

Sai bene cosa vuol dire resilienza?

Se vuoi capirne un po’ di più sul significato di questo termine e sul valore determinante che la resilienza può assumere nella vita per non sentirsi inadeguati, non occorre essere psicologi famosi, ma basta leggere questo articolo.

Nei prossimi paragrafi, infatti, metteremo a tua completa disposizione una vera e propria guida su come e perché essere resilienti. A cominciare dalle basi: etimologia del termine, significato, sinonimi e approfondimenti sui vari campi di applicazioni e sulle qualità necessarie per esercitare questa capacità. Senza tralasciare, in conclusione, l’aspetto motivazionale che deve necessariamente fare leva sulla psiche umana per rafforzare la propria resilienza. Insomma, non abbiamo intenzione di farci mancare proprio nulla. Provare, o meglio leggere, per credere.

Cosa ne dici, abbiamo stuzzicato la tua curiosità e la tua sete di sapere? Molto bene, allora partiamo subito alla scoperta di cosa significa resilienza. Buona lettura.

Cosa significa resilienza: tutto quello che devi sapere

Spesso si fa confusione tra resilienza e resistenza. Ma mentre per quest’ultima si intende la capacità di resistere ad uno sforzo prolungato, la resilienza è la capacità di un sistema di adattarsi al cambiamento. Questo suggestivo significato viene declinato in diversi settori: dalla resilienza in ingegneria all’informatica, dall’ecologia e e la biologia al risk management, ma in particolare si fa riferimento alla resilienza mentale e psicologica. Ma di questo parleremo meglio più avanti.

Resilienza: etimologia e sinonimi

Il termine resilienza deriva dal verbo latino resilire, ovvero rimbalzare, saltare indietro. Resilienza in inglese si dice invece resilience.

Alcuni sinonimi di resilienza possono essere durezza, robustezza e solidità, anche se si tratta di termini dalle sfumature differenti, come per la già citata “resistenza”. Ad esempio una persona resiliente (o un materiale resiliente), più che opporsi o contrastare l’urto, lo ammortizza e lo assorbe, in virtù della propria forza mentale-psicologica (o delle proprietà elastiche della propria struttura).

Capito cosa vuol dire resilienza fin qui? Molto bene, allora andiamo avanti procedendo spediti con il nostro approfondimento.

La resilienza applicati nei diversi settori

Che cosa vuol dire resilienza se declinata nei vari settori che abbiamo accennato in precedenza? Ecco un beve schema riassuntivo dei cinque principali campi di applicazione:

  1. Resilienza in psicologia. Essere in grado di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici;
  2. Ingegneria. Capacità di un materiale di assorbire energia di deformazione elastica;
  3. Informatica. Possibilità di un sistema di adattarsi alle condizioni d’uso e di resistere all’usura in modo da garantire la disponibilità dei servizi erogati;
  4. Ecologia e biologia. Qualità di una materia vivente di autoripararsi dopo un danno, o quella di una comunità o di un sistema ecologico di ritornare al suo stato iniziale, dopo essere stata sottoposta a una perturbazione che ha modificato quello stato
  5. Risk management. Forza intrinseca di un sistema di modificare il proprio funzionamento prima, durante e in seguito ad un cambiamento o ad una perturbazione, in modo da poter continuare le operazioni necessarie sia in condizioni previste che in condizioni impreviste.

Come detto, la resilienza che maggiormente ci interessa in questo articolo è quella relativa alle persone resilienti e dunque alla sfera psicologica.

Resilienza: significato dizionario italiano

Per entrare ancor più nel dettaglio di cosa vuol dire resilienza in psicologia, citiamo quanto riportato sul dizionario e sull’enciclopedia Treccani, che definisce così il significato del termine in questo specifico ambito:

«Capacità di reagire a traumi e difficoltà, recuperando l’equilibrio psicologico attraverso la mobilitazione delle risorse interiori e la riorganizzazione in chiave positiva della struttura della personalità.

L’estensione dell’accezione del termine dal campo delle scienze fisiche e ingegneristiche è stata operata dal neuropsichiatra francese B. Cyrulniksviluppando la teoria dell’attaccamento elaborata da J. Bowlby, secondo il quale una positiva relazione madre-figlio aiuterebbe il bambino a sviluppare risorse interiori, quali la sicurezza e la fiducia in sé stesso, in grado di proteggerlo da separazioni ed eventi traumatici.

La teoria della plasticità psichica cui il termine fa riferimento è stata compiutamente esposta da Cyrulnik nel saggio Un merveilleux malheur».

resilienzaMentre Wikipedia, facendo riferimento ad autorevoli fonte del settore, aggiunge che si può concepire la resilienza come una funzione psichica, che si modifica nel tempo in rapporto all’esperienza, al vissuto e, soprattutto, al modificarsi dei processi mentali che ad essa sottendono.

In virtù di questo, si distinguono capacità resilienti di tre tipi:

  1. Istintive. Presenti soprattutto nel corso dei primi anni di vita, quando i processi mentali sono dominati da egocentrismo e senso di onnipotenza;
  2. Affettive. Rispecchiano la maturazione affettiva, il senso dei valori, il senso di sé e la socializzazione;
  3. Cognitive. Quando il soggetto può utilizzare le capacità intellettive simbolico-razionali.

Sono dunque soggetti resilienti coloro i quali che riescono, anche contro ogni previsione e circostanza avversa, a fare fronte in maniera efficace al dolore o alle delusioni, riuscendo a metabolizzare e magari anche a trarre nuovo slancio dalle avversità.

Resilienza: frasi, citazioni e aforismi

Ed eccoci quasi giunti alla conclusione della nostra guida su cosa vuol dire resilienza. Ma prima di lasciarti, vogliamo regalarti una raccolta di frasi incoraggianti proprio su questo tema. Un bel mix di 13 aforismi sulla volontà, frasi motivazionali, citazioni importanti sull’importanza di saper ricominciare senza farsi stritolare dagli eventi negativi.

  1. «La resilienza non è solo la voglia di sopravvivere a tutti i costi, ma anche la capacità di usare l’esperienza maturata in situazioni difficili per costruire il futuro» (Andrea Fontana);
  2. «Ciò che non ti uccide ti rende più forte» (Friedrich Nietsche);
  3. «Se insisti e resisti, raggiungi e conquisti» (Trilussa);
  4. «Trovare un senso, un significato rende molte cose sopportabili, forse tutte quante diventano sopportabili» (Carl Gustav Jung);
  5. «Una buona metà dell’arte di vivere è resilienza» (Alain de Botton);
  6. «Il mondo ci spezza tutti quanti, ma solo alcuni diventano più forti là dove sono stati spezzati» (Ernest Hemingway);
  7. «Per la persona resiliente, qualsiasi sconfitta, anche se genera inevitabilmente della frustrazione, viene vista come un’opportunità per apprendere e migliorare» (Pietro Trabucchi);
  8. «La resilienza non è fissità, ma movimento dialettico. Resilienza significa saltare indietro, in modo da prendere la rincorsa e, di slancio, superare l’ostacolo» (Francesco Botturi);
  9. «Non importa quante volte cadi, ma quante volte cadi e ti rialzi» (Vince Lombardi);
  10. «Le difficoltà rafforzano la mente, così come il lavoro irrobustisce il corpo» (Lucio Anneo Seneca);
  11. «Il fallimento è una parte della vita. Il successo non ti insegna niente, ma il fallimento ti insegna la resilienza. Ti insegna a prendere te stesso e a riprovare» (Sarah Morgan);
  12. «Hanno cercato di seppellirmi, ma non sapevano che io sono un seme» (proverbio messicano);
  13. «La resilienza, che permette di tornare a vivere, associa la sofferenza al piacere di trionfare» (Boris Cyrulnik).

E con questo la guida Unicusano su cosa vuol dire resilienza è davvero completa.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali