informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Tesi in diritto del lavoro: argomenti e idee

Commenti disabilitati su Tesi in diritto del lavoro: argomenti e idee Studiare a Salerno

Sei alla ricerca di idee e consigli utili per realizzare la tua tesi in diritto del lavoro?

Non preoccuparti, pensa solo a come rilassare la mente e il corpo e leggi questo articolo, nel corso del quale ti guideremo passo passo suggerendoti idee e argomenti tesi diritto che potresti utilizzare per redigere il tuo elaborato finale per la laurea o master che sia.

Iniziamo con il dire che il diritto del lavoro può essere uno degli argomenti più interessanti su cui scrivere una tesi sperimentale giurisprudenza. Quindi complimenti per la scelta.

Ma detto ciò, non perdiamo tempo ed entriamo subito nel merito della questione.

Tesi sperimentale diritto del lavoro: tutto quello che devi sapere

Nei prossimi paragrafi, andremo dunque alla ricerca delle migliori tracce sui quali sviluppare una tesi in

. Come detto, si tratta di temi ideali per una laurea in Giurisprudenza, ma rappresentato anche argomenti tesi economia piuttosto validi. Ma procediamo in ordine e per gradi.

Tesi diritto: compilativa o di ricerca

Prima di suggerirti alcuni temi chiave per scrivere una tesi in diritto del lavoro, visto che abbiamo accennato che si tratta di un argomento che ben si presta alla realizzazione di un elaborato di tipo sperimentale, chiariamo la distinzione fra tesi compilativa e di ricerca.

  1. La tesi compilativa è quella che si basa sull’approfondimento o la rielaborazione di concetti già esistenti o dimostrati, facendo riferimento a delle fonti già esistenti e ben precise;
  2. La tesi di ricerca (o, appunto, sperimentale) è incentrata sull’analisi di una situazione nuova o magari affrontata da te stesso in prima persona. Per essere portata a termine presuppone dunque incontri, sopralluoghi, visite oppure esperienze lavorative come stage in enti o aziende. E, perché no, eventuali lavori part-time per studenti. Questa potrebbe essere una prima traccia di cui parlare nella tua tesi.

Chiarito ciò e fatte tutte le necessarie premesse del caso, entriamo adesso nel dettaglio riguardo l’argomento che ti sta maggiormente a cuore. Dal prossimo paragrafo, come promesso, troverai tanti altri consigli e nuove idee sugli argomenti da trattare in una tesi in diritto del lavoro. Buona lettura.

Diritto del lavoro argomenti principali

Per individuare i migliori argomenti da utilizzare per realizzare una tesi in diritto del lavoro, non possiamo non partire dalle basi. Può sembrare banale o troppo facile da pensare, ma spesso è proprio da lì che nascono le migliori idee.

Andiamo dunque a vedere a definizione di diritto del lavoro fornita dall’Enciclopedia Treccani. Eccola riportata qui di seguito:

«Complesso delle norme dell’ordinamento giuridico che disciplinano il lavoro come fatto economico e sociale. Nel diritto del lavoro rientrano anche il diritto sindacale, che disciplina il funzionamento delle associazioni sindacali nei loro rapporti con lo Stato, e la legislazione sociale, mentre la parte relativa alle assicurazioni sociali assume l’autonoma denominazione di diritto della previdenza sociale».

Ed ecco magicamente che abbiamo già individuato due aspetti fondamentali che possono ispirare la tua tesi in diritto del lavoro: sindacalismo e previdenza sociale.

tesi dirittoUn esempio in questo ambito? Tesi diritto del lavoro: licenziamento. Una traccia chiara e diretta che si presta ad approfondimenti di diversa natura, specialmente se vai a ricercare e a trattare qualche caso specifico particolare.

Altra branchia interessante potrebbe essere trattata attraverso una tesi diritto del lavoro nella pubblica amministrazione. Magari per verificare se e come, con l’evolversi dell’innovazione nella PA, si evolve a sua volta il diritto del lavoro.

Esempio tesi di laurea Giurisprudenza: ecco 20 idee

Altri argomenti più specifici che possono legarsi ad una tesi in diritto del lavoro, possono essere ad esempio:

  1. Il licenziamento disciplinare del pubblico dipendente prima e dopo il Jobs Act;
  2. Il concetto di giusta causa di licenziamento nella giurisprudenza;
  3. Giovani e mercato del lavoro: La nuova disciplina dell’apprendistato;
  4. Lo sfruttamento del lavoro minorile: aspetti giuridici e sociali;
  5. Prerogative datoriali e ruolo del sindacato;
  6. La precettazione nello sciopero nei servizi pubblici essenziali;
  7. Il diritto ad una vita dignitosa: prospettive di reddito minimo di garanzia in Italia;
  8. La politica comunitaria in materia di lavoro degli extracomunitari;
  9. I diritti dell’uomo nell’età della globalizzazione;
  10. Produttività del lavoro e contrattazione di secondo livello;
  11. Le convenzioni di integrazione lavorativa dei disabili nella legge 12 marzo 1999, n. 68;
  12. L’accesso al lavoro da parte dei disabili: dall’avviamento obbligatorio al collocamento mirato;
  13. Profili giuridici del mobbing;
  14. Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  15. Diritto del lavoro sportivo: analisi della legge 91/1981;
  16. Interpretazione e qualificazione del contratto nel rapporto di lavoro sportivo;
  17. Il comportamento dei dipendenti in sede di concordato preventivo o fallimentare;
  18. La previdenza complementare, la posizione del singolo e la sua libertà;
  19. Flessibilità e variabilità della retribuzione;
  20. Disciplina della mobilità interaziendale.

Come puoi notare, i macro argomenti tesi Giurisprudenza legati al diritto del lavoro possono essere di diversa natura. Oltre a quelli già citati nel precedente paragrafo, nell’elenco che ti abbiamo appena fornito troviamo temi che si intrecciano anche con etica, attualità, sicurezza, sport, mobilità, disabilità, salute, contratti di lavoro, ecc. Insomma, le varianti e i settori da cui attingere sono tante e diverse. Non ti rimane che l’imbarazzo della scelta.

Migliori lauree e master in ambito giuridico

Una tesi in diritto del lavoro, afferisce principalmente un corso di laurea o un master di tipo giuridico.

Se sei interessato ad iscriverti ad uno di questi corsi, devi sapere che Unicusano rappresenta una vera e propria eccellenza in quest’ambito a Salerno e in tutta Italia. Nella sua vasta offerta formativa, infatti, prevede diversi corsi di laurea e master universitari legati a quest’ambito e disponibili in modalità e-learning.

Primo fra tutti il classico corso di laurea in Giurisprudenza, in grado di dare accesso a posizioni professionali specifiche, come avvocatura, magistratura e notariato, o ruoli nel pubblico impiego in organismi istituzionali nazionali e internazionali, associazioni, enti di vario tipo o fondazioni.

Come ulteriori specializzazioni, sono disponibili anche diversi master afferenti l’area economico-giuridica: dal diritto processuale amministrativo a quello penale d’impresa, dalla tutela dei diritti del minore a quello della sicurezza alimentare e molti altri. Tutti argomenti che potrebbero avere come sbocco una tesi in diritto del lavoro.

Inoltre, si tratta dei corsi che rispettano in pieno il diritto allo studio e al lavoro. Grazie al sistema e-learning, infatti, sono l’ideale proprio per gli studenti-lavoratori. Questo perché non prevedono obbligo di frequenza fisica in aula, ma offrono la possibilità di seguire le lezioni direttamente online quando vuoi, da dove vuoi e per tutte le volte che vuoi, ovvero senza alcun limite al numero di visualizzazioni possibili consentite.

Tutto ciò  ti assicura la possibilità di organizzare il tuo tempo nel migliore dei modi e poter studiare e lavorare allo stesso tempo. Una situazione che, perché no, potrebbe anche ispirare una tesi in diritto del del lavoro sperimentale.

E con questo è tutto, la nostra guida si conclude qui. Adesso sai veramente tutto quello che c’è da sapere su questo tema.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali